Informazione News

Finanziamento illecito ai partiti. Pdl: via il carcere, resta solo la multa

finanziamento illecitoLa destra vuole depenalizzare il reato, con un emendamento alla norma sul finanziamento. A rischio i processi a Penati, Scajola, Milanese. Si scardina la norma che ha reso possibile Mani pulite. Dopo falso in bilancio e concussione, cadrebbe un terzo pilastro strategico.

Via il carcere per punire il finanziamento illecito dei partiti. Via i quattro anni di pena. Solo “una sanzione amministrativa pecuniaria”. Firmato, ovviamente, il Pdl. Seppellita per sempre Mani Pulite. Cancellate tutte le inchieste presenti e future. Una moratoria pazzesca. Incredibile solo a pensarla, proprio di questi tempi. A guardare il lungo catalogo delle leggi ad personam è il più clamoroso dei colpi di spugna. Una maxi depenalizzazione. Mai, in vent’anni di norme per demolire il codice penale, si era osato tanto.Quando ne parli con i magistrati protagonisti di Mani pulite ti dicono subito: “Dai, non scherzare, non è possibile, non ci credo, non possono arrivare a tanto”. Quando glielo confermi restano basiti: “Così finiscono le indagini sulla corruzione”.Invece eccola qui la madre di tutti i possibili azzeramenti. Cinque righe in tutto. Un emendamento al disegno di legge del governo che cancella il finanziamento pubblico dei partiti e vorrebbe fissare le nuove regole per garantire “la trasparenza”. C’è proprio la parola “trasparenza” nell’intestazione della legge. Ebbene, ecco comparire lì l’articolo 10-bis. Criptico. Bisogna leggerlo e rileggerlo più volte per capirlo. Bisogna andare alla legge 195 del 1974, che istituiva il finanziamento pubblico dei partiti, confrontare i testi, rendersi conto del colpo di mano.

Dice l’emendamento: “All’articolo 7, terzo comma, le parole da “reclusione a triplo” sono sostituite dalle seguenti “sanzione amministrativa pecuniaria pari al triplo””. Firmato: Bianconi, Calabria, Centemero, Ravetto, Francesco Saverio Romano. Maurizio Bianconi è il vice segretario amministrativo del Pdl, gestisce con Rocco Crimi, un fedelissimo di Berlusconi, la cassa dei soldi del partito. Anna Grazia Calabria, responsabile giovanile del Pdl. Elena Centemero, responsabile scuola. La deputata Laura Ravetto. L’ex ministro dell’Agricoltura Romano.

di Liana Milella
La Repubblica.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.