Informazione

Viene il giorno

Angelino AlfanoEra il più impresentabile dei ministri nel governo Berlusconi, con i suoi lodi ad personam. Era il più impresentabile dei ministri del governo Letta, con l’immondo caso Shalabayeva. È il più impresentabile dei ministri nel governo Renzi, con la grottesca fuga di Marcello Dell’Utri.

Sì, perché Angelino Alfano ce lo portiamo dietro da un esecutivo all’altro – tra via Arenula e il Viminale – dimenticandoci allegramente ogni volta cosa aveva combinato e che poteri rappresentava in quello prima, riverginandolo quindi come statista, uomo moderato, indispensabile alleato, ogni volta una finzione diversa per giustificare l’ingiustificabile.
E invece è sempre lui ed è sempre lì, Alfano, a fare favori agli amici, che sono anche loro sempre gli stessi, perché i governi passano e gli amici restano.
E forse viene il giorno in cui più nessun rassegnato realismo e nessuna necessità aritmetica riescono più a nascondere l’immenso imbarazzo (o vergogna?) che qualsiasi persona decente non può che provare, nel cuore, per stare al governo con uno così.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.